Maggio 09, 2021

Napoli: le partite più belle della storia

Il grande amore dei tifosi partenopei per il Napoli Calcio è stato ripagato da bellissime partite,rimaste nella storia del calcio italiano e nei cuori degli appassionati.

In questo momento, in cui il Napoli balbetta in campionato e ha finito anzitempo la propria avventura in Europa League e Coppa Italia, fare una passeggiata nella memoria può rinfrancare lo spirito e riportare alla mente prestazioni memorabili del passato, recente o più lontano nel tempo.

Una delle partite più dolci per i tifosi non di primo pelo è senza dubbio Stoccarda-Napoli, finale di Coppa Uefa del 1989. Dopo la vittoria dell'andata, il Napoli, accompagnato dal tifo dei tanti emigrati in Germania oltre che dai tifosi provenienti dall'Italia, si porta sul 3-1; i tedeschi recuperano e riescono a pareggiare la partita, ma per via del risultato dell'andata sono i partenopei ad aggiudicarsi la coppa, ossia il primo trofeo europeo nella storia della società azzurra.

Meno lontana nel tempo è l'incredibile vittoria in casa della Juventus il 31 ottobre 2009: il Napoli di Mazzarri, sotto di due gol (a segno Trezeguet e Giovinco), non si lascia abbattere e grazie a un Hamsik in stato di grazia, autore di una doppietta, e a un gol di Datolo, ribalta il risultato facendo lo scalpo a una Juventus di sicuro meno forte di quella attuale, ma non meno temibile tra le mura domestiche. Una vittoria storica, che almeno per una sera ha riportato i partenopei ai fasti dell'era Maradona.

E proprio all'epoca di Maradona risale un'altra vittoria leggendaria, il 5-1 rifilato alla Vecchia Signora in occasione della Supercoppa Italiana del 1990. Il 31 agosto il Napoli, guidato da Maradona, schianta la Juventus di Maifredi grazie a due doppiette, di Careca e Silenzi, e un gol di Crippa. A nulla serve il gol del grande Roberto Baggio: la Supercoppa finisce nella bacheca degli azzurri.

Tra le partite più belle giocate dal Napoli non si può non citare la vittoria contro il Manchester City dell'allora tecnico degli inglesi Roberto Mancini : la partita del 22 novembre 2011 vede come protagonista El Matador Edison Cavani, che con una doppietta stende i Citizens, in gol con Balotelli. L'affermazione contro una squadra di livello come il City apparve allora come una prova di maturità per una squadra che solo pochi anni prima era finita nelle serie minori.

Altrettanto emozionante la vittoria della Supercoppa italiana a Doha, il 22 dicembre 2014, contro i rivali – ancora – della Juventus, in un derby di acconciature eccentriche tra Pogba, Vidal e Hamsik. I bianconeri, passati in vantaggio con Tévez, non fanno i conti con l'allora partenopeo Higuain, autore dell'1-1 e del gol che, dopo il nuovo vantaggio juventino con Tevez, fissa il risultato sul 2-2. Ai rigori, dopo una lunga sequela, la parata di Rafael su Padoin fissa il risultato sull'8-7 per il Napoli, che porta a casa, dopo 24 anni, il prestigioso trofeo.

 



Continuando con i salti temporali, torniamo all'epoca d'oro di Maradona, più precisamente alla stagione 1988/89. Il Napoli ospita al San Paolo il Milan di Sacchi, una vera leggenda dell'epoca. Il Napoli del duo Careca-Maradona, guidato da Bianchi in panchina, mette il sigillo sulla partita già nel primo tempo: prima il Pibe de Oro, poi l'asso brasiliano fissano il risultato sul 2-0. Nel secondo tempo, è Francini a siglare il 3-0; il gol di Virdis, su rigore, accorcia le distanze, ma è ancora Careca a siglare il perentorio 4-1, una vittoria memorabile e di grande prestigio contro quella che all'epoca era, se non la più forte, una delle squadre più forti d'Europa.

Sarebbe ingiusto e scorretto non citare il bel Napoli di Sarri: il suo gioco veloce, apprezzato anche da un allenatore come Guardiola, ha tracciato un solco nel calcio degli ultimi anni.
Larga e spettacolare la vittoria degli azzurri contro il Bologna, il 19 aprile 2016: in lotta con la Juve, con la Roma alle spalle, i ragazzi di Sarri strapazzano i felsinei con un rotondo 6-0, facendo luccicare gli occhi agli amanti del bel calcio: una tripletta di Mertens e una doppietta di Gabbiani, oltre al gol di David Lopez, segnano una delle vittorie più ampie e belle degli ultimi anni.
Altrettanto bello è il 4-2 rifilato al Milan alla seconda giornata della stagione 2016-2017: i partenopei si portano sul 2-0 con una doppietta di Milik, poi si fa recuperare dal Milan, che con Niang e Suso pareggiano i conti. A dare i tre punti al Napoli è Callejon, arma letale di Sarri, che insacca la doppietta che fissa il risultato sul 4-2.

Torniamo ancora indietro nel tempo per ricordarci di un'altra goleada, questa volta in Spagna: è il 16 settembre 1992, il Napoli va a far visita al Valencia allenato da Hiddink, apprezzato tecnico olandese.
Si gioca il primo turno di Coppa Uefa. In attacco gli azzurri presentano Daniel Fonseca, appena arrivato dal Cagliari. Sarà proprio lui il mattatore della serata: con i suoi 5 gol, un pokerissimo che entra nella storia, regala una roboante vittoria al Napoli, che però non andrà oltre il secondo turno della competizione.

Chiudiamo la rassegna delle gioie azzurre con un'altra partita di Champions League. Il 18 settembre 2013 il Napoli di Rafa Benitez, alla sua seconda esperienza italiana dopo l'Inter, affronta il Borussia Dortmund di un allenatore sulla rampa di lancio: Jurgen Klopp. Gli azzurri, pur soffrendo portano a casa una bella vittoria per 2-1. Dopo il vantaggio di Higuain e il 2-0 di Lorenzo Insigne, l'autogol di Zuniga riapre il match: alla fine, saranno i partenopei a esultare per la bella e importante vittoria nella massima competizione europea.

Abbiamo visto, dunque, alcune delle più belle partite del Napoli degli ultimi 40 anni. Partendo dall'epoca del grande Maradona, arrivando fino al Napoli arcigno di Mazzarri e quello spettacolare di Sarri, sono tante i match da ricordare, partite da batticuore che hanno riempito di gioia i caldissimi tifosi degli azzurri che, come ha ricordato il neo acquisto Lobotka, considerano il calcio quasi come una religione. Fare un viaggio nella memoria, a volte, è un rito piacevole per assaporare momenti indimenticabili, con la speranza di viverne presto altri.

Rate this item
(0 votes)
Last modified on Martedì, 02 Marzo 2021 17:50
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok