Ottobre 21, 2020

Mancano pochi giorni al debutto ufficiale del Colleferro in questa prima stagione post-lockdown. La squadra di mister Antonio Battistelli affronterà domenica il Rocca Priora in campo esterno: un “revival” del match disputato a febbraio, poco prima dell’interruzione per le note vicende legate al Covid.

Allora i rossoneri si imposero 2-0, ma se l’ossatura dei colleferrini è rimasta simile, i castellani hanno cambiato molto (a cominciare dalla guida tecnica). “Quello non è mai un campo facile, ma cercheremo di fare del nostro meglio e superare il turno” dice l’attaccante classe 1992 Samuele Cerroni che sottolinea l’importanza della Coppa Italia: “La società ha allestito un organico all’altezza del doppio impegno. Con la formula ad eliminazione diretta, la Coppa rappresenta un percorso breve per arrivare a fare il salto di categoria e quindi dobbiamo puntarci”. Il pre-campionato ha lasciato buoni riscontri in casa Colleferro che nell’ultimo week-end ha affrontato il doppio impegno con Tecchiena (compagine di pari categoria) e Under 19 del Paliano: “Ho partecipato solo alla prima amichevole – racconta Cerroni – Abbiamo iniziato un po’ sotto tono anche per il clima piuttosto surreale derivante dalla vicenda di cronaca legata a Willy Monteiro Duarte che ha molto colpito tutto l’ambiente. Siamo andati sotto, poi abbiamo recuperato (con un gol dello stesso Cerroni, ndr) e siamo andati di nuovo sotto sul 3-1 prima della rimonta conclusiva sul 3-3”. L’attaccante (che l’anno scorso fu capocannoniere della squadra) parla con soddisfazione dell’arrivo di Perrotti nel suo reparto: “Mattia è un giocatore molto importante, micidiale in area di rigore. A differenza della stazza, non sono una prima punta tipica e dunque la presenza di Mattia non può che agevolare me e tutta la squadra”.

Sulla “griglia di partenza” del girone D di Promozione, Cerroni sembra avere le idee chiare: “Il girone romano è più tecnico, ma sono contento di essere stato inserito in quello. Favorite? Vedo Atletico Torrenova e Atletico Morena davanti a tutte, ma noi siamo subito dietro e cercheremo di giocarci le nostre carte”.

--

Area comunicazione

 

Stanno per ripartire anche le ultime tre squadre del settore giovanile agonistico del Colleferro che erano ancora ferme. Dopo che la scorsa settimana si sono radunate le due squadre d’Elite del club rossonero (l’Under 17 e l’Under 15), ora è la volta degli altri tre gruppi regionali che cominceranno da domani la preparazione, mentre oggi il club osserverà il giorno di lutto cittadino proclamato dal Comune per la terribile vicenda che ha portato alla morte Willy Monteiro Duarte.

Nella speranza che il Covid non blocchi di nuovo le attività sportive nel prossimo futuro, in casa colleferrina l’ottimismo è tangibile come si può capire anche dalle parole del responsabile del settore giovanile agonistico di base Luca Di Placido che presenta nello specifico tutti i gruppi: “L’Under 19 regionale è stata affidata a mister Daniele Lucidi che aveva già allenato i 2003 nella passata stagione e che quest’anno potrà contare anche su alcuni 2002 di ottimo livello. Questo gruppo ha buonissime prospettive e speriamo che l’unione di 2002 e 2003 possa far scaturire un mix vincente. Siamo orgogliosi, inoltre, che tanti ragazzi di questa Under 19 siano già nel giro della Promozione. Per quanto riguarda l’Under 17 Elite, l’abbiamo affidata a mister Vittorio Carbonari: abbiamo inserito nel gruppo alcuni nuovi ragazzi di qualità che potranno aiutare la squadra a inseguire l’obiettivo dichiarato della permanenza in questa categoria, siamo sicuri di poter centrare questo traguardo. Anche per l’Under 16 regionale abbiamo idee chiare: i ragazzi allenati quest’anno a mister Sandro Schiavella hanno tutte le capacità per poter lottare ai vertici e regalarci la conquista di un altro titolo Elite, avendo mantenuto l’ossatura dell’ottimo gruppo della passata stagione con l’aggiunta di qualche ragazzo di valore.

L’Under 15 Elite sarà guidata da mister Massimiliano Di Lolli e in questo caso dovrà stringere i denti per cercare di ottenere la salvezza in una categoria complicata: è un gruppo con tanti nuovi arrivi che dovrà lottare per raggiungere l’obiettivo. Infine c’è l’Under 14 regionale che sarà allenata da Fabio Patrizi: un gruppo che rappresenta il fiore all’occhiello della nostra società, visto che sarà composto per il 99% da ragazzi “costruiti” nel nostro settore di base e che giocano assieme da diverso tempo. A livello tecnico ci sono buone possibilità che possano stare nella parte alta della classifica, ma la soddisfazione più grande è rappresentata dalla “fotografia” che questa squadra fornisce della filosofia del nostro club”.

--

Area comunicazione
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok