Settembre 18, 2021

Ecco le pagelle della Juventus Primavera dopo la vittoria in campionato contro il Chievo Verona. 

Loria 6,5: qualche intervento di spessore, non ha colpe sul gol avversario.

Bandeira 6,5: buona partita dell’esterno, suo l’assist per la rete di Gozzi che vale il 4-1.

Makoun sv: esce dopo poco per un problema fisico. Dal 17’ Capellini 6,5: buon ingresso in campo, da sicurezza al reparto, sempre attento.

Gozzi 7: bene in fase difensiva, nel finale si prende il lusso di siglare il gol della tranquillità per il 4-1.

Anzolin 6: in qualche sbavatura in avvio, poi migliora con il passare dei minuti.

Fernandes 7: uno dei migliori, giocate di qualità, confeziona gran parte del terzo gol. Pronto per il passo tra i grandi. Dal 59’ Leone 6: offre il suo contributo, buon impatto sul match.

Morrone 7: a centrocampo c’è da lavorare e lui orchestra nel migliore dei modi il gioco bianconero. Ha il pregio di mettere a segno il gol del sorpasso, decisivo per cambiare il corso della gara. Dal 75’ Penner sv

Portanova 7,5: il migliore in campo. Atletismo, agonismo ma anche tecnica da vendere. Autore id due assist, nel finale sbaglia il rigore ma rimedia siglando la ribattuta. Fondamentale.

Monzialo 6: non riesce ad incidere come vorrebbe. Entra nell’azione del due a uno, poi poco o nulla.

Markovic 6,5: fatica nel primo tempo a trovare spazio, come tutta la Juventus. Nella ripresa segna subito il gol del 3-1, da lì in avanti si sblocca.. Dal  75’ Pinelli sv

Sene 6,5: lotta e fatica nei primi venti minuti, poi ha il merito di siglare il gol del pareggio su assist di Portavano, spianando la strada ai bianconeri. Può fare di più. Dal  59’ Di Francesco 6: poche palle giocabili, si dà da fare.

Termina a reti bianche la sfida tra Palermo e Roma con i giallorossi che nel finale mancano la vittoria per un soffio. Durante i novanta minuti è la formazione di casa, alla ricerca dei punti salvezza, a rendersi maggiormente pericolosa con Cannavò e Gambino, specie nella ripresa. Al 93’, a tempo ormai scaduto, calcio di rigore molto contestato concesso ai giallorossi. Dal dischetto si presenta il bomber Celar che però sbaglia clamorosamente con il direttore di gara che di lì a poco fischia la fine.

 

PALERMO – ROMA   0-0

PALERMO: Al Tumi (dal 32′ Avogadri), Sicuro, Gallo, De Marino, Fradella (dal 69′ Petrucci), Santoro, Ruggiero (dal 64′ Gambino), Mendola, Cannavò, Lucera (dal 69′ Birligea), Rizzo. A disp.: Angileri, Giuliano, Gambino, Garofalo, Montaperto, Correnti, De Stefano. All.: Scurto.

ROMA: Greco, Parodi, Semeraro, Trasciani, Cargnelutti, Pezzella, D’Orazio (dal 58′ Darboe), Greco J. (dal 75′ Estrella Galeazzi), Celar, Riccardi, Besuijen (dal 46′ Cangiano). A disp.: Zamarion, Santese, Buttaro, Simonetti, Chierico, Sdaigui, Bucri. All.: De Rossi.

ARBITRO: Curti di Milano.

NOTE: al 93’ la Roma sbaglia un calcio di rigore con Celar.

Cinquina esterna della Juventus che supera il Chievo e compie un passo avanti nella conquista dei play-off. Non parte bene la formazione bianconera che va sotto per uno a zero con la rete di Bertagnoli al 5’ , bravo a mettere dentro sugli sviluppi di un cacio piazzato. AL 20’ arriva il pareggio ad opera di Sene che da pochi passi batte Bragantini dopo che il Chievo si era divorato la palla del possibile raddoppio.

Al 40’ il sorpasso bianconero firmato da Morrone al termine di una grande azione corale. Nella ripresa ci pensa prima Markovic al 49’ a mettere al sicuro il risultato su assist di Portanova, poi nel finale altri due gol. All’84’  Gozzi porta a quattro le marcature, poi a tempo scaduto anche il quinto gol di Portanova che si fa respingere un calcio di rigore ma mette dentro la ribattuta per il 5-1 finale.  

 

CHIEVO VERONA – JUVENTUS  1-5

CHIEVO VERONA: BragantiniPavlev, Ndrecka, Zuelli (80′ Rossi), Martires, Soragna, Tuzzo (55′ Metlika), Nunes Nuno (55′ Juwara) Rovaglia, D’Amico (90’ Enyan), Bertagnoli. A disp.: Malaguti, Kaleba, Raffa, Passera, Enyan, Metlika, Juwara, Rossi, Italeng Ngock. All.: Mandelli.

JUVENTUS: Loria, Bandeira, Anzolin, Gozzi, Morrone (75′ Penner) , Makoun, Monzialo, Sene (54′ Di Francesco), Markovic (75′ Pinelli) , Fernandes. (59′ Leone) , Portanova. A disp.: Siano, Boloca, Vlasenko, Capellini, Pinelli, Frederiksen, Leone, Penner, Petrelli, Moreno, Di Francesco, Fagioli. All.: Baldini.

ARBITRO:  Carella di Bari.

MARCATORI: 5′ Bertagnoli (C), 20′ Sene (J); 40′ Morrone (J); 49′ Markovic (J), 84’ Gozzi (J), 90’ Portanova (J)

Poker interno della Lazio che batte il Cosenza nonostante il grande vento presente a Formello. Al 1' arriva il vantaggio firmato da Capanni che con un tiro insidioso sorprende Quintiero. Al 26' arriva il gol dell'ex con Paglia che direttamente da calcio d'angolo, aiutato dal vento, mette la sfera in rete. Nella ripresa, in apertura, nuovo vantaggio biancoceleste con Czyz che mette dentro su cross di Falbo, passano undici minuti ed arriva anche la terza marcatura, firmata da Scaffidi che si libera di un avversario e trova l'angolino. Al 65' arriva la parola fine con la doppietta personale di Capanni che supera Quintiero con un pallonetto e poi deposita in rete. Al 79' la seconda rete del Cosenza, di Santangelo, che non può evitare la sconfitta. 

 

LAZIO - COSENZA  4-2

LAZIO (3-5-2): Alia; De Angelis, Silva, Baxevanos; Zitelli, Czyz (84' Shoti), Bianchi, Abukar (84' Bertini), Falbo; Scaffidi (73' Nimmermeer), Capanni. A disp.: Marocco, Kalaj, Armini, Franco, Kaziewicz, Francucci, Cerbara, Cesaroni, Zilli. All. Bonacina

COSENZA (3-5-2): Quintiero; Aceto (84' Azzaro), Moretti, Salines; Santangelo, Caiazzo (84' Giorgiò), Paglia, Di Salvo, Gagliardi; Peguiron, Sernia (73' Tripoli). A disp.: Sordini, Rugna, Amendola, Colosimo, Guidoni, Cardamone. All.: De Angelis.

ARBITRO: Gino Garofalo (sez. di Torre del Greco).

MARCATORI: 1' Capanni (L), 26' Paglia (C), 50' Czyz (L), 61' Scaffidi (L), 65' Capanni (L), 79' Santangelo (C)

Ecco le pagelle del Sassuolo dopo la sconfitta interna contro l'Empoli

Turati 6,5: compie un grande intervento nel primo tempo su Ricchi, per il resto non ha particolari responsabilità.

Joseph 5: in difficoltà nella fase difensiva, commette il fallo da rigore. Nel finale lascia il campo.  Dal 75′ Fiorini sv

Aurelio 6: più attivo del suo compagno, cerca di inventare qualcosa anche in avanti dove viene spostato nella ripresa, con l’ingresso di Merli. Dall’83′ Giani sv

Ghion 6: in mezzo al campo gestisce le operazioni del Sassuolo, fa filtro davanti alla difesa.  

Perazzolo 5,5: buona partita nella prima frazione, nella ripresa macchia la sua gara con l’errore decisivo in occasione del due a uno.  Dal 90′ Marginean sv

Lemos 6: fa buona guardia sugli avanti empolesi, ordinato e attento nel primo tempo, nella ripresa cala leggermente.

Oddei 6: non riesce a trovare lo spunto vincente in avanti, sulla corsia di destra. Qualche buon fraseggio e poco più.

Masangu 5,5: non incide, prima frazione di gioco con il Sassuolo in costante difficoltà e lui ne risente, Morrone lo lascia negli spogliatoi. Dal 46′ Merli 6: entra e si da da far, qualche iniziativa e poco più.

Scamacca 6,5: non si vede tantissimo ma ha il grande pregio di trovare lo stacco vincente, imperioso, del momentaneo pareggio. Può dare di più, deve ritrovare il ritmo.

Raspadori 6: meno brillante rispetto ad altre occasioni, l’Empoli in difesa tiene bene e gli lascia poco spazio.  

Giordano 6: qualche buon pallone in fase i distribuzione, per il resto prova a rendersi utile anche in fase di non possesso. Poco incisivo. Dal 90′ Pellegrini sv

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok