Ottobre 17, 2021

Calciatori esteri e formazioni Primavera. Un dibattito quasi infinito che va avanti da anni e sul quale non si hanno delle conferme certe. Sarà poi vero che in Italia quando si parla di formazioni Under 19, si utilizzano cosi tanti "stranieri"? E qual'è il confronto reale con il resto d'Europa? Andiamo ad analizzare questo aspetto, con il contributo dei dati realizzati da transfermarkt, portale leader del settore, prendendo in esame le sedici squadre qualificate agli Ottavi di Finale della Uefa Youth League. Principale competizione europea per formazioni Primavera (Under 19), con le tre gare che coinvolgono le compagini italiane rinviate alla prossima settimana, causa coronavirus. Parliamo ovviamente di Atalanta - Lione, Inter - Rennes e l'attesa Juventus - Real Madrid.

Iniziamo analizzando la Dea Campione d'Italia in carica di Massimo Brambilla e proseguiamo con le altre quindici squadre qualificate, verificando quanto in Italia ci si affidi a calciatori provenienti dall'estero (i naturalizzati sono ovviamente Nazionali a tutti gli effetti), rispetto agli altri paesi europei, tenendo fuori dal computo i cosiddetti fuori-quota. (U21 o U23 a seconda dei vari campionati).

ATALANTA: La rosa bergamasca è composta da 27 elementi, suddivisi in 3 portieri, 8 difensori, 11 centrocampisti e 6 attaccanti, di cui 10 stranieri.

Khadim Ndiaye (portiere, classe 2000, Senegal), Matevz Dajcar (portiere, classe 2002, Slovenia), Rodrigo Guth (difensore centrale, classe 2000, Brasile), David Heidenreich (difensore centrale, classe 2000, Rep. Ceca), Lukas Vorlicky (centrocampista centrale, classe 2002, Rep. Ceca), Alassane Sidibe (centrocampista centrale, classe 2002, Costa d'Avorio), Ebrima Colley (ala sinistra, classe 2000, Gambia), Olaf Kobacki (ala sinistra, classe 2001, Polonia), Amad Traorè (ala destra, classe 2002, Costa d'Avorio), Jonathan Ngock Italen (punta centrale, classe 2001, Camerun)

 

INTER: La rosa di Armando Madonna è composta da 23 elementi, suddivisi in 2 portieri, 5 difensori, 10 centrocampisti e 6 attaccanti, di cui 8 stranieri.

Filip Stankovic (portiere, classe 2002, Serbia), Etienne Youte Kinkoue (difensore centrale, classe 2002, Francia), Lucien Agoumè (mediano, classe 2002, Francia), Emerson Espinoza (mediano, classe 2001, Ecuador), Christopher Attys (centrocampista centrale, classe 2001, Francia), Franco Vezzoni (centrocampista centrale, classe 2001, Argentina), Tibo Persyn (centrocampista di destra, classe 2002, Belgio), Martin Satriano (punta centrale, classe 2001, Uruguay)

 

JUVENTUS: La rosa di Lamberto Zauli è composta da 26 elementi, suddivisi in 4 portieri, 9 difensori, 9 centrocampisti e 4 attaccanti, di cui 11 stranieri.

Franco Israel (portiere, classe 2000, Uruguay), Nikita Vlasenko (difensore centrale, classe 2001, Svizzera), Jean-Claude Ntenda (terzino sinistro, classe 2002, Francia), Daniel Leo, terzino destro, classe 2001, Svizzera), Santiago Ocampos (terzino destro, classe 2002, Paraguay), Enzo Berrenechea (mediano, classe 2001, Argentina), Nicolas Penner (centrocampista centrale, classe 2001, Rep. Ceca), Koni De Winter (centrocampista centrale, classe 2001, Belgio), Naouirou Ahamada (centrocampista centrale, classe 2002, Francia), Kaly Sane (ala destra, classe 2002, Senegal), Pablo Moreno (punta centrale, classe 2002, Spagna).

 

BAYERN MONACO: La rosa guidata da Danny Schwarz è composta da 35 elementi (la lista Uefa), suddivisi in 4 portieri, 12 difensori, 9 centrocampisti e 10 attaccanti, di cui 8 stranieri.

Flavius Daniliuc (difensore centrale, classe 2001, Austria), Liam Morrison (difensore centrale, classe 2003, Scozia), Taylor Booth (centrocampista centrale, classe 2000, Usa), Beha Neziri (centrocampista centrale, classe 2003, Kosovo), Marcel Zylla (trequartista, classe 2000, Polonia), Jamal Musiala (trequartista, classe 2003, Inghilterra), Marvin Cuni (ala destra, classe 2001, Albania), Joshua Zirkzee (punta centrale, classe 2001, Olanda)

 

DINAMO ZAGABRIA: La rosa allenata da Igor Jovic è composta da 39 elementi (la lista Uefa), suddivisi in 4 portieri, 12 difensori, 10 centrocampisti e 13 attaccanti, di cui 6 stranieri.

Faris Krkalic (portiere, classe 2002, Bosnia), Vedad Radonja (terzino sinistro, classe 2001, Bosnia), Omar Kocar (mediano, classe 2001, Slovenia), Bernard Karrica (ala sinistra, classe 1001, Albania), Lukas Parger (attaccante, classe 2001, Austria), Matias Godoy (punta centrale, classe 2002, Argentina)

CLICCA QUI PER LEGGERE LA LISTA COMPLETA UEFA U19 DI BAYERN MONACO e DINAMO ZAGABRIA

 

BENFICA: La rosa allenata da Luís Manuel Ferreira De Castro è composta da 29 elementi, di cui 2 portieri, 10 difensori, 8 centrocampisti e 10 attaccanti, con 3 stranieri.

Leo Kokubo (portiere classe 2001, Giappone), Felipe Rodrigues Da Silva Morato (difensore centrale, classe 2001, Brasile), Jeremy Sarmiento (ala destra, classe 2002, Inghilterra)

 

LIVERPOOL: La rosa di mister Barry Lewtas è composta da 38 elementi, con 4 portieri, 14 difensori, 14 centrocampisti e 6 attaccanti, di cui 13 stranieri.

Jakub Ojrzynski (portiere, classe 2003, Polonia), Sepp Van Den Berg (difensore centrale, classe 2001, Olanda), Tom Clayton (difensore centrale, classe 2000, Scozia), Morgan Boyes (difensore centrale, classe 2001, Galles), Billy Koumetio (difensore centrale, classe 2002, Francia), Yassier Larouci (terzino sinistro, classe 2001, Francia), Owen Beck (terzino sinistro, classe 2002, Galles), Ki-Jana Hoever (terzino sinistro, classe 2002, Olanda), Neco Williams (terzino destro, classe 2001, Galles), Conor Bradley (centrocampista, classe 2003, Irlanda del Nord), Matteo Ritaccio (centrocampista centrale, classe 2001, Usa di origini italiane), Dal Varesanovic (trequartista, classe 2001, Bosnia), Paul Glatzel (punta centrale, classe 2001, Germania)

 

RENNES: La rosa allenata da Romain Ferrier, è composta da 39 elementi (la lista Uefa), di cui 2 stranieri.

Pepe Bonet (portiere, classe 2003, Congo), Elias Damergy (portiere, classe 2002, Tunisia)

CLICCA QUI PER LEGGERE LA LISTA COMPLETA UEFA U19 DEL RENNES

 

OLYMPIQUE LIONE: La rosa che affronterà l'Atalanta è di 28 elementi, di cui 3 portieri, 6 difensori, 10 centrocampisti e 9 attaccanti, con 3 stranieri.

Sinaly Diomande (difensore centrale, classe 2001, Costa d'Avorio), Bartosz Talar (centrocampista centrale, classe 2002, Polonia), Semih Altikulac (centrocampista di sinistra, classe 2002, Turchia).

 

AJAX: La rosa in mano a Jhonny Heitinga, è composta da 36 elementi, di cui 4 portieri, 12 difensori, 10 centrocampisti, 10 attaccanti, con 7 stranieri.

Issam El Maach (portiere, classe 2000, Marocco), Filip Frei (terzino destro, classe 2001, Svizzera), Victor Jensen (trequartista, classe 2000, Danimarca), Christian Rasmussen (trequartista, classe 2003, Danimarca), Joshua Pynadath (ala sinistra, classe 2002, Usa), Tunahan Tasci (ala destra, classe 2002, Turchia), Damjan Dostanic (punta centrale, classe 2001, Serbia)

 

ATLETICO MADRID: La rosa guidata da Carlos Gonzalez Juarez è composta da 31 elementi, di cui 2 portieri, 10 difensori, 9 centrocampisti, 10 attaccanti, con 3 stranieri.

Adrian Cova (terzino destro, classe 2001, Venezuela), Javier Hyjek (centrocampista centrale, classe 2001, Polonia), Nando Gutierrez (centrocampista di destra, classe 2001, Venezuela)

 

RED BULL SALZBURG (SALISBURGO): La rosa allenata da Frank Kramer, è composta da 32 elementi, di cui 3 portieri, 11 difensori, 11 centrocampisti e 7 attaccanti, con 11 stranieri.

Dominik Oroz (difensore centrale, classe 2000, Croazia), Victor Parada (difensore centrale, classe, 2002, Spagna), Amar Dedic (terzino destro, classe 2002, Bosnia), Jusuf Gazibegovic (terzino destro, classe 2000, Bosnia), Wallison (terzino destro, classe 2001, Brasile), Peter Pokorny (mediano, classe 2001, Slovacchia), Maurits Kjaergaard (centrocampista centrale, classe 2003, Danimarca), Nicolas Seiwald (centrocampista centrale, classe 2001, Austria), Samuel Major (centrocampista di destra, classe 2002, Ungheria), Luis Phelipe (ala sinistra, classe 2001, Brasile), Csaba Bukta (ala sinistra, classe 2001, Ungheria), Benjamin Sesko (punta centrale, classe 2003, Slovenia), Antonin Svoboda (punta centrale, classe 2002, Rep. Ceca)

 

DERBY COUNTY: La rosa di Justin Walker è composta da 32 elementi, di cui 3 portieri, 12 difensori, 10 centrocampisti, 7 attaccanti, con 8 stranieri.

Harry Halwax (portiere, classe 2002, Irlanda), Eiran Cashin (difensore centrale, classe 2001, Irlanda), Jaden Charles (terzino sinistro, classe 2002, Irlanda), Festy Ebosele (terzino destro, classe 2002, Irlanda), Jason Knight (centrocampista centrale, classe 2001, Irlanda), Yoann Greco (attaccante, classe 2001, Francia), Jack Stretton (punta centrale, classe 2001, Scozia), Bartosz Cybulski (punta centrale, classe 2002, Polonia)

 

STELLA ROSSA BELGRADO: La rosa allenata da Slavoljub Djordjevic, è composta da 37 elementi, di cui 3 portieri, 15 difensori, 15 centrocampisti e 4 attaccanti, con 2 stranieri.

David Pisar (difensore centrale, classe 2002, Bosnia), Mirko Milikic (difensore centrale, classe 2001, Montenegro)

 

MIDTJYLLAND: La rosa di Henrik Jensen è composta da 22 elementi, di cui 2 portieri, 8 difensori, 7 centrocampisti, 5 attaccanti, con 7 stranieri.

John Ndjate (difensore centrale, classe 2002, Congo), Raphael Nwadike (difensore centrale, classe 2001, Nigeria), Hosine Bility (difensore centrale, classe 2001, Australia), Hanus Sorensen (terzino destro, classe 2001, Far Oer), Pyry Hannola (centrocampista centrale, classe 2001, Finlandia), Antonis Martis (centrocampista centrale, classe 2000, Australia), Justice Ohajunwa (punta centrale, classe 2001, Nigeria)

 

REAL MADRID: La rosa allenata da Dani Poyatos è composta da 32 elementi, di cui 4 portieri, 11 difensori, 9 centrocampisti, 8 attaccanti, con 3 stranieri.

Theo Zidane (centrocampista centrale, classe 2002, Francia), Christian Vassilakis (ala destra, classe 2001, Grecia), Andri Gudjohnsen (punta centrale, classe 2002, Islanda)

 

CONCLUSIONE

In totale sulle sedici in competizione negli Ottavi di Finale, sono 3 società italiane, 2 spagnole, 2 francesi, 2 inglesi, una tedesca, una portoghese, una olandese, una danese, una croata, una serba e un'austriaca. Le nostre tre rappresentanti evidenziano il numero più alto in rosa (dai 10 su 27 dell'Atalanta, passiamo agli 8 su 23 dell'Inter, agli 11 su 26 della Juventus) con una media del 38% di giocatori stranieri in rosa. 

Al passo con le italiane, sono le inglesi, il Salisburgo e il Midtjylland, ma con una rosa presentata per la Youth League più ampia, con Liverpool con un numero di 13 stranieri sui 38 facenti parte della rosa e con il Derby County (società non di Championship, la nostra Serie B), con 8 su 32. Salisburgo che ne utilizza in rosa 11 su 32, mentre Midtjylland con 7 su 22. Queste quattro formazioni, pur puntando sugli stranieri, sono comunque al di sotto delle italiane con una media del 31% di calciatori provenienti dall'estero in rosa. 

Ma tenendo il confronto fermo sui maggiori campionati/scuole europee, emerge come l'Italia sia il paese che fa maggior ricorso a calciatori esteri. Il Bayern Monaco, un modello in Germania, ha in rosa 27 giocatori tedeschi su 35, Rennes e Lione spostandoci in Francia (che alza invece il numero dei naturalizzati), hanno in rosa 2 stranieri su 39 oppure 3 su 28. Infine l'Ajax con 7 su 36. Chiusura con Stella Rossa (2 su 37), Dinamo Zagabria (6 su 39) e con le due spagnole. Stiamo parlando dell'Atletico Madrid Under 19 e del Real Madrid Under 19, che hanno in rosa il minor numero di calciatori provenienti dall'estero, ossia 3 su 31 i colchoneros e 3 su 32 le merengues. Formaazioni, queste, che abbassano clamorosamente la media: dal Bayern fino al Real, infatti, parliamo di una media dell'11% di incidenza di calciatori stranieri in rosa. 

Dati, questi, che non vogliono certamente condannare questa pratica, ma che evidenziano un comportamento diverso delle italiane rispetto alle altre. 

 

 

FONTE DATI / LINK: transfermarkt.it

FONTE DATI ROSA (BAYERN MONACO, DINAMO ZAGABRIA, RENNES): transfermarkt.it e uefa.com/uefayouthleague

 

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       Fabrizio Consalvi

Ecco la SuperClassifica delle società di Settore Giovanile Professionistiche che prende in considerazione i punti conquistati nei Campionati Primavera (1 e 2), Under 17, Under 16 e Under 15 relativamente alle formazioni di Serie A e B.  (per il Campionato Primavera 2, essendo una serie B, i punti conquistati sono divisi per due, l'Under 18 non è presa in considerazione essendo solo nove le formazioni iscritte). 

Una classifica, aggiornata al 16 febbraio, prima cioè delle molte gare rinviate per il Coronavirus, vede al primo posto, ma non è una novità, l'Atalanta che continua a splendere con il suo vivaio. La società nerazzurra, infatti, è da anni leader nel settore giovanile non soltanto per risultati conseguiti, ma anche e soprattutto per i tanti giovani lanciati nel calcio professionistico. Il primo posto momentaneo di questa stagione è in larga parte dovuto ai grandi risultati ottenuti con Primavera e Under 17, con l'Under 15 unica formazione in ritardo rispetto alle altre. Più indietro un'altra squadra nerazzurra, l'Inter. I milanesi sorpassano, di una sola lunghezza, la Roma e si attestano al secondo posto. Rispetto all'Atalanta hanno meno picchi nelle varie categorie ma più continuità, con la società che continua a dimostrare, come ormai fa da anni, la grande importanza che viene data al vivaio, non a caso giocatori come Pinamonti o Esposito sono usciti proprio da qui.

Terza la Roma. Sulla bontà del lavoro svolto in sede di giovani dai giallorossi pochi dubbi, anche se in questa stagione rispetto al passato i giallorossi pagano qualche passaggio a vuoto soprattutto con la Primavera (fuori dalla Coppa Italia in semifinale con il Verona, formazione di Primavera 2) e con l'Under 15, che solitamente ci aveva abituati ad un primo posto in solitaria. Chiude il quadro delle società leader la Juventus. I bianconeri in Primavera non stanno giocando la loro migliore stagione, anche se sono in fase di ripresa, mentre nelle altre categorie, soprattutto Under 17 e Under 16, il loro predominio è quasi indiscusso. Staccate tutte le altre, anche se ci sono da fare delle distinzioni. Genoa e Napoli sono a parimerito al quinto posto, mostrando gli ottimi risultati conseguiti in questa stagione che sono la logica conseguenza del buon lavoro svolto negli anni precedenti.

Al settimo e ottavo posto due sorprese. Il Bologna, pur non brillando con la Primavera, è riuscito ad ottenere ottimi risultati con le tre altre compagini rimanendo sempre ad un passo dalle formazioni di testa. Splendida la stagione del Cagliari, che in Primavera paga soltanto lo scotto di aver trovato davanti a se un'Atalanta formidabile. Chiudono il quadro della Top Ten il Milan, protagonista di una grande annata che è attardato solo per via della partecipazione al campionato Primavera 2, e non 1, che nei nostri parametri viene valutato con la metà del punteggio, e la Spal, ed anche qui si tratta di un grande risultato per una società che non vanta certo le risorse delle sue contendenti.   

 

 

LEGGENDA:

Punti conquistati in Primavera 1, Under 17, Under 16 e Under 15  PIENI

Punti conquistati in Primavera 2 (SUDDIVISI PER DUE) 

 

  SOCIETA' TOTALE PRIMAVERA UNDER 17 UNDER 16 UNDER 15
             
1 ATALANTA 170 48 54 44 24
2 INTER 157 35 47 35 40
3 ROMA 156 30 44 46 36
4 JUVENTUS 149 32 49 41 27
5 GENOA 130 28 27 35 40
6 NAPOLI 130 12 42 36 40
7 BOLOGNA 125 25 31 39 30
8 CAGLIARI 124 42 23 25 34
9 MILAN 122,5 23,5 25 37 37
10 SPAL 114,5 18,5 31 41 24
11 LAZIO 108 24 20 32 32
12 PESCARA 106 15 31 25 35
13 HELLAS VERONA 105 16 36 26 27
14 SAMPDORIA 104 28 20 22 34
15 TORINO 103 22 24 15 42
16 FIORENTINA 100 21 26 31 22
17 EMPOLI 97 26 28 28 15
18 FROSINONE 95,5 12,5 26 17 40
19 SASSUOLO 90 23 28 22 17
20 PARMA 88 9 28 26 25
21 BENEVENTO 86 9 29 26 22
22 PERUGIA 86 10 26 35 15
23 UDINESE 81,5 15,5 28 14 24
24 ASCOLI 74,5 21,5 24 13 16
25 BRESCIA 73,5 9,5 20 19 25
26 CHIEVO VERONA 69 12 20 18 19
27 SPEZIA 68,5 8,5 26 14 20
28 JUVE STABIA 67 7 15 22 23
29 LECCE 62,5 12,5 6 20 24
30 TRAPANI 61 16 15 23 7
31 SALERNITANA 60 10 17 9 24
32 COSENZA 59 11 22 12 14
33 CREMONESE 57 6 24 18 9
34 CROTONE 57 12 25 13 7
35 PORDENONE 55,5 12,5 12 17 14
36 VENEZIA 54,5 9,5 13 9 23
37 VIRTUS ENTELLA 51 9 16 17 9
38 CITTADELLA 44,5 7,5 6 13 18
39 PISA 44,5 6,5 12 14 12
40 LIVORNO 39,5 13,5 11 5 10

 



  

Tutto fin troppo facile per l’Atalanta che regola l’Udinese per 4-1. Il vantaggio arriva al 14’ con Cortinovis che si accentra e con un gran destro sigla l’uno a zero.

Al 28’ il raddoppio: Zortea dalla destra mette al centro per Piccoli che da pochi passi non sbaglia. Sulle ali dell’entusiasmo l’Atalanta trova altre due reti tra il 37’ ed il 38’: prima ci pensa Colley, con un bel tiro da fuori all’incrocio dei pali, a segnare il 3-0, poi è la volta di Traorè che davanti a Gasparini sigla il poker. Passano due minuti e l’Udinese trova il gol della bandiera con Ndreu. Nella ripresa normale amministrazione per i padroni di casa che portano a casa la vittoria e compiono un altro passo decisivo verso i play-off.

ATALANTA – UDINESE  4-1

ATALANTA: Carnesecchi, Zortea (67′ Bencivenga), Brogni (68′ Peli), Colpani, Okoli, Guth, Traore (82′ Bertini), Cortinovis, Piccoli (73′ Louka), Colley, Cambiaghi. A disp.: Gelmi, Girgi, Heidenreich, Finardi, Ghisleni, Gyabuaa. All. Brambilla.

UDINESE: Gasparini, Donadello (59′ Oviszach), Parpinel, Battistella, Filipiak, Vasko, Bocic, Gkertsos (59′ Katuma Ngoyi), Ndreu, Lirussi, Kubala. A disp.: Crespi, Snidarcig, Renzi, Compagnon, Ballarini, Di Franco, Pecos Melo, Mazzolo, Zanolla, Beak. All. Stefano.

ARBITRO: Acanfora di Castellammare di Stabia

MARCATORI: 14′ Cortinovis (A), 28′ Piccoli (A), 37′ Colley (A), 38′ Traore (A), 40′ Ndreu (U)

Pagina 3 di 3
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok