Luglio 05, 2020

Alessandro Grandoni

Ecco le pagelle della squadra biancoceleste dopo la sconfitta casalinga contro l'Udinese

ALIA 6: non ha particolari colpe sui gol friulani, quando chiamato in causa risponde presente. 

SPIZZICHINO 5,5: solita verve e foga agonistica, ma non sempre preciso nelle giocate e nelle scelte in fase offensiva

BAXEVANOS 6: attento e puntuale in marcatura ed in anticipo, non soffre particolarmente l'attacco friulano. Qualche piccola disattenzione nella ripresa come tutto il reparto. 

SILVA 5: rischia in almeno due occasioni il giallo nel primo tempo con interventi fuori tempo, nella ripresa si destreggia bene in un paio di occasioni ma ha la pecca di essere espulso sul due a zero con delle proteste che non possono portare a nulla, sarà costretto a saltare il prossimo match. 

PETRO 6: cerca di limitare le avanzate dell'Udinese nella sua zona di competenza, diligente in fase difensiva, manca però la spinta in quella di attacco. 

MICELI 6: cerca di mettere ordine nel gioco biancoceleste. Nel primo tempo gioca una buona gara, a volte in affanno nella ripresa. 

REZZI 5,5: parte come centrocampista centrale, con l'uscita di Lukaj viene spostato in avanti ma non riesce quasi mai ad incidere. Dal 26' st Javorcic 5,5: entra a venti minuti dalla fine per cambiare le sorti del match ma non riesce a mettere la sua firma. 

BARI 5: sbaglia spesso la scelta della giocata in fase offensiva, perdendo qualche pallone di troppo. Da rivedere. Dal 10' st Marchesi 5: entra per dare sostanza al centrocampo, ha un paio di occasioni con tiri da fuori, completamente da dimenticare. 

SARAC 5,5: ha il compito di innescare l'attacco e dare qualità ma non riesce nel suo intento, l'Udinese lo imbriglia e lui fa poco per brillare. 

NETO 5,5: ha gli occhi addosso, arrivato in estate nell'affare Keita, ma non riesce ad incidere particolarmente. Sbaglia nel primo tempo la rete del vantaggio facendosi parare la conclusione a tu per tu, nella ripresa prova con un qualche buon cross ma deve ancora crescere. 

LUKAJ sv: dopo un quarto d'ora è costretto ad abbandonare il campo per un colpo alla testa. Dal 15' pt Aliaj 6: nel primo tempo è uno dei più attivi, dinamico, cala nella ripresa perdendo lucidità.

 

L'Udinese vince per due a zero sul campo della Lazio e compie un deciso passo in avanti verso la salvezza con le reti di Varesanovic e Brunetti. Per la Lazio una sconfitta che brucia e che ora mette la formazione biancoceleste in una brutta posizione di classifica. 

La gara, specialmente nel primo tempo, non è emozionante, la Lazio prova a fare la partita ma in avanti manca di concretezza nonostante la presenza in campo di Pedro Neto, uno dei due gioielli portoghesi arrivati in estate nell'affare Keita. La Lazio è costretta a cambiare Lukaj con Aliaj dopo quindici minuti per infortunio e la prima emozione vera e propria, ed è tutto dire, arriva al 37' quando la Lazio ha la grande opportunità di segnare con Pedro Neto che, liberato in ara di rigore, si fa respingere la conclusione da due passi da Pizzignacco. Passano quattro minuti e l'Udinese risponde con Garmendia, sicuramente uno dei migliori del match, che calcia alto da fuori area.

La formazione bianconera spinge e prima della chiusura del primo tempo trova la rete dell'uno a zero con Varesanovic che a centro area sfrutta alla perfezione il velo di Perez e mette in rete con il destro da due passi. Nella ripresa la Lazio entra in campo per cercare di raddrizzare le sorti dell'incontro ma l'Udinese in difesa tiene bene. Al 10' del secondo tempo, appena entrato, ci prova Marchesi con la sfera che termina abbondantemente alta. Al 22' Udinese pericolosa, palla per Garmendia che calcia da fuori con Alia che devia in angolo. La Lazio fatica in avanti, diversi cross non trovano nessuno pronto ad intervenire ed al 25' si lamenta per un dubbio contatto in area su Pedro Neto, con il direttore di gara che lascia correre.

I friulani, in contropiede, sfiorano il raddoppio con Varesanovic prima e Brunetti poi, con la sfera che termina fuori in entrambi i casi, poi all'88' l'episodio decisivo. La Lazio lamenta un fallo in area, l'arbitro non concede il penalty, sul contropiede il pallone arriva a Brunetti che dalla sinistra entra in area e mette il pallone in fondo al sacco per il definitivo due a zero. Silva protesta e viene espulso, la Lazio prova il tutto per tutto ma con scarsi risultati con il triplice fischio finale che sancisce la sconfitta della formazione di Bonatti, incapace di raccogliere l'intera posta in palio al Fersini da ottobre. 

Alessandro Grandoni

LAZIO - UDINESE   0-2

LAZIO (4-2-3-1): Alia; Spizzichino, Baxevanos, Silva, Petro; Miceli, Rezzi (26' st Javorcic); Bari (10' st Marchesi), Sarac, Neto;  Lukaj (15' pt Aliaj). A disp. Furlanetto, Kalaj, Boateng, Falbo, Peguiron, Fidanza, Al-Hassan. All. Ruggeri

UDINESE (3-5-2): Pizzignacco, Caiazza, Vasko (40' st Trevisan), Ermacora; Donadello, Brunetti, Samotti, Varesanovic, Paoluzzi; Perez (25' st Djoulou), Garmendia. A disp. Adiletta, Vedova, Parpinel, Gkertoso, Battistella, Bocic, Pecos Melo. All. Giacomin

MARCATORI: 41' pt Varesanovic, 43' st Brunetti

E’ la gara della giornata,  e non poteva essere altrimenti. Oggi, alle ore 13, scendono in campo Inter e Milan per il derby del Campionato Primavera. All’andata finì 3-0 in favore dei nerazzurri, era il Milan di Gattuso, ancora lontano dalla forma migliore e dalla quadratura del cerchio. Un girone dopo cambiano i protagonisti, sulla panchina rossonera c’è Alessandro Lupi, confermato invece e non poteva essere altrimenti Stefano Vecchi su quella nerazurra.

Il tecnico dei nerazzurri, con in tasca la Supercoppa conquistata a inizio gennaio, dovrebbe affidarsi a Pissardo in porta, in difesa Valietti, Lombardoni, Bettella e Sala, a centrocampo ci sarà Schirò centrale con Emmers e Danso ai fianchi con Zaniolo a fare da raccordo tra il centrocampo e l’attacco, dove ci sarà senza dubbio Colidio e dove c’è ancora ballottaggio tra Rover e Belkheir.

Lupi, reduce dalal grande vittoria contro l’Atalanta in Coppa Italia, non dovrebbe derogare dal consueto 4-3-3 con Guarnone in porta, in difesa Bellanova, Bellodi, El Hilali e Llamas, a centrocampo Gabbia sarà affiancato da Brescianini e Murati mentre in avanti Tsdjout comporrà il terzetto con Tiago Dias e Sinani.

Pietro Pellegri, dalla Juventus al Monaco. Il futuro del baby talento del Genoa, le cui gesta abbiamo apprezzato, come sito specializzato nel calcio giovanile, fin dal Torneo Nike di tre anni fa, sembra essere scritto. La Juventus sembrava aver messo le mani sul giovane attaccante ma i francesi del Monaco, non nuovi a questo tipo di offerte, hanno operato una mossa a sorpresa. 25 milioni più 5 di bonus, una cifra incredibile per un ragazzo di sedici anni, decisamente più alta rispetto ai 10 + 10 che aveva prospettato la Juventus al Genoa. Pellegri, 9 presenze in Serie A e tre reti all'attivo, potrebbe essere già oggi a Monaco per le visite mediche e la firma del contratto, con la Juventus che sembra ormai fuori dai giochi. 

 

Non si giocherà quest'anno il consueto Torneo Nike, solitamente in programma tra febbraio e marzo presso Città Sant'Angelo, in provincia di Pescara. La manifestazione, da sempre molto seguita sia da appassionati che addetti ai lavori, non è stata infatti confermata per questa stagione, appuntamento rimandato quindi ai prossimi anni quando speriamo che il Torneo riprenda vita dopo le tante emozioni che ci ha regalato nelle ultime stagioni. 

Tutto pronto, o quasi, per il Torneo di Viareggio edizione 2018. Il sorteggio, inizialmente previsto per il 14 febbraio, è stato infatti anticipato di sette giorni e si svolgerà il 7 Febbraio alle ore 11 nella Sala di Rappresentanza del Comune di Viareggio. Quella del 2018 sarà l'edizione 70 della manifestazione e si svolgerà dal 12 al 18 marzo. Ancora da decifrare tutte le formazioni che parteciperanno alla manifestazione (saranno 40 in totale le squadre, con dieci gironi eliminatori da quattro squadre) con una gara che si giocherà in Sardegna, come annunciato pochi giorni fa. 

Si avvicina la data di inizio del Torneo Beppe Viola Arco di Trento, manifestazione a carattere nazionale che vedrà impegnate 16 formazioni Under 17. Il torneo è in programma dall'8 al 13 marzo e la 47° edizione vedrà al via sedici formazioni di cui 11 club italiani, 2 stranieri e 3 rappresentative. Non mancheranno nomi importanti del calcio giovanile italiano come Atalanta (vincitrice delle ultime due edizioni), Milan, Roma, Bologna, Verona, Torino, Chievo, Lazio, Sampdoria e Napoli, il Brondby ed il Partizan come formazioni straniere oltre alla formazione locale dell'Arco e le Rappresentative LND, del Trentino e Lega Pro

Ecco, di seguito, le parole del Presidente del Comitato Organizzatore Marco Benedetti e la lista delle formazioni ufficiale: “Sarà anche quest’anno un Trofeo Beppe Viola di altissimo livello – spiega Marco Benedetti, presidente del comitato organizzatore – anche se avremmo voluto un numero maggiore di club stranieri. Ci siamo misurati con difficoltà oggettive che riguardano il calendario internazionale della categoria e questo dovrà essere un motivo di riflessione nella scelta della data per l’edizione del 2019 e quelle seguenti. Nel frattempo annotiamo con molta soddisfazione il ritorno del Partizan che l’anno scorso ha sfiorato il colpaccio al debutto nella nostra manifestazione. Quanto ai club italiani, il pronostico sarà incertissimo – prosegue Benedetti – con l’Atalanta doverosamente nel ruolo di favorita a caccia del terzo successo consecutivo, che sarebbe un’impresa senza precedenti nella storia ormai quasi cinquantenaria del torneo”.

 

TORNEO BEPPE VIOLA - ARCO DI TRENTO EDIZIONE 2018

FC PARTIZAN BEOGRAD (SER)
BRØNDBY IF (DAN)
AC MILAN (ITA)
AS ROMA (ITA)
ATALANTA CALCIO (ITA)
BOLOGNA FC (ITA)
FC HELLAS VERONA (ITA)
FC TORINO (ITA)
AC CHIEVOVERONA (ITA)
RAPPRESENTATIVA LEGA PRO (ITA)
RAPPRESENTATIVA LND (ITA)
RAPPRESENTATIVA TRENTINO (ITA)
SS LAZIO (ITA)
SSC NAPOLI (ITA)
UC SAMPDORIA (ITA)
USD ARCO (ITA)

 

 

E' on line il video della gara del Campionato Primavera 1 tra Fiorentina e Atalanta terminata con il punteggio di uno a uno. Buona visione. 

E' on line il video della gara del Campionato Primavera 1 tra Milan e Sassuolo con la vittoria dei rossoneri per due a uno. Buona visione. 

E' on line il video della gara del Campionato Primavera 1 tra Udinese e Inter con la vittoria dei nerazzurri per tre a zero. Buona visione. 

 

Ultimi Tweets

#CampionatoPrimavera #Primavera1TIM #LegaSerieATIM https://t.co/D1aq3KXgJ9
#Giovanili #Under16SerieAeB https://t.co/R3BhPDrvI7
#Giovanili #LazioCUP https://t.co/wExfD2GDqk
Follow Calcio Nazionale on Twitter
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok