Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito si avvale di servizi pubblicitari di terze parti come Google, cliccando sul seguente link è possibile vedere come Google utilizza i dati. 

Modalità di utilizzo dei dati da parte di Google quando si utilizzano siti o app dei nostri partner.

Non c'è storia quando il Barcellona scende in campo cosi. Una Finale quella del 3° Memorial Cristina Varani durata giusto un tempo, fino al 2-4 che ha praticamente tagliato le gambe alla Roma di Rubinacci.

                           

Eppure i giallorossi avevano iniziato bene, con un buon pressing. Ma la classe e l'abilità nel palleggio dei blaugrana, più un Paez Gavira formidabile e un Planaz Cruz spietato hanno fatto il resto. E' di 2-7 il punteggio in una gara che ha evidenziato tutta la differenza tra noi e i marziani. 

Pronti-via e il match è subito divertente, al 4' è la Roma a farsi vedere con Rossi, mentre un giro di lancette dopo ecco il Barça andare in profondità e far venire i brividi al portiere giallorosso. Catalani che passano però all'8', azione in verticale per Jan Coca Ausin che non sbaglia, è lo 0-1 ed è solo l'inizio. Un minuto più tardi infatti la Roma reagisce e pareggia, palla per Rossi che trafigge Alijama Gomez per l'1-1 momentaneo. Roma che sembra averne di più e al 17' capovolge il tutto, con il destro di Ruggiero che fà 1-2. E' qui che svolta di nuovo e definitivamente il match, perchè il Barcellona dimostra tutta la sua superiorità.

Due sono i giri di orologio per Paez Gavira, che da numero 10 qual'è riporta tutto in equilibrio e sul 2-2, mentre altri due ne servono a Planaz Cruz per il 2-3 che sposta di nuovo la gara. I giallorossi non ne hanno più e si disuniscono, cosi al termine della prima frazione arriva il 2-4 di Almeida Crespo che chiude la Finale definitivamente.

Si perchè la ripresa vede solo possesso palla del Barcellona e i classe '2003 catalani dilagare. Al 2' ancora Planaz Cruz che fà doppietta personale e 2-5, mentre al 4' ecco che si chiude il primo set con Jurado Gomez. Infine punteggio che si stabilirà sul 2-7 con il calcio di rigore siglato al 13' da Bobi Chamorro. Match che non ha più nulla da dire e il fischio finale che giustamente premia il Barcellona.

            

ROMA - BARCELLONA 2-7

ROMA: Baldi; D’Alessio L., Pellegrini (6’st Catena), Muratori, Falasca (6’st Missori); Mirimich (8’st D’Alessio F.), Pisilli, Pagano (18’st Tomaselli); Liburdi (18’st Padula), Rossi, Ruggiero (20’st Mancini). A disp.: Mastrantonio. All.: Rubinacci.

BARCELLONA: Aljama Ramos (1’st Martínez Salamanca); López Sánchez-Migallón (11’st Jurado Gómez), Almeida Crespo, González Carreras, Larrios López (1’st Valle Gómez); Capdevila Puigmal (1’st Caravaca Comino), Garrido Cañizares (1’st Oliveras Codina); Jan Coca Ausin (4’st Segarra González), Páez Gavira, Akhomach Chakkour (4’st Bobi Chamorro); Planas Cruz. All.: Martinez Novell.

MARCATORI: 8’pt Jan Coca Ausin (Ba), 9’pt Rossi (Rm), 17’pt Ruggiero (Rm), 19’pt Páez Gavira (Ba), 21’pt Planas Cruz (Ba), 26’pt Almeida Crespo (Ba), 2'st Planas Cruz (Ba), 4’st Jurado Gómez (Ba), 13’st Bobi Chamorro (Ba) (Rig.)