Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito si avvale di servizi pubblicitari di terze parti come Google, cliccando sul seguente link è possibile vedere come Google utilizza i dati. 

Modalità di utilizzo dei dati da parte di Google quando si utilizzano siti o app dei nostri partner.

Ci sono cose che in un campo da calcio non impari, ma che hai nel sangue. Una di queste è l’istinto del bomber, l’indole a segnare. Elementi con i quali Alessandro Barbarossa è nato e che sembra potersi portare dietro per tanti anni.

Terminale offensivo della Roma 2001, numero 9 per vocazione, il talento giallorosso ha fatto incetta di trofei con il gruppo da poco lasciato da Valerio D’Andrea, al quale è mancato solamente l’ultimo sigillo tricolore, sfumato in una finale dove proprio una traversa di Barbarossa aveva fatto gridare al gol.

Bravo sotto porta, dotato di quel killer instinct necessario a ogni bomber che si rispetti, il gioiellino romanista è sempre risaltato agli occhi degli addetti ai lavori per una capacità non comune di saper giocare col resto dei compagni, scansando l’egoismo e tramutandosi all’occorrenza anche in uomo assist.

Erede della maglia appartenuta ai veri Roberto Pruzzo e Rudy Voeller? Vedremo, certamente è ancora presto per dirlo. Intanto a Trigoria sperano e lui continua a correre. Ovviamente a suon di gol.