Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito si avvale di servizi pubblicitari di terze parti come Google, cliccando sul seguente link è possibile vedere come Google utilizza i dati. 

Modalità di utilizzo dei dati da parte di Google quando si utilizzano siti o app dei nostri partner.

Domani Fiorentina e Roma si sfideranno in un grande match del Campionato Primavera 1, ecco le parole del tecnico dei padroni di casa Bigica a Violachannel: 

“Incontreremo la Roma che è la prima in classifica e sarà una partita molto difficile. La nuova riforma sulla primavera? Finalmente i ragazzi con questa formula sono più pronti per il calcio dei grandi con promozioni e retrocessioni, si affronta ogni partita come se fosse una finale. Si avvicinano di più al calcio dei grandi.

C’è grande disponibilità da parte di Pioli e di tutto il suo staff. Abbiamo già fatto 3-4 partite tra di noi, in modo tale da dare minutaggio a chi gioca meno e far capire ai miei cosa significa o cosa ci vuole per poter giocare nei campionati che contano.

L’esperienza che hanno fatto in tanti con la prima squadra è servita per rendersi conto che per arrivare ad alti livelli servono sacrificio, umiltà e applicazione. Io oggi ne sto traendo vantaggio. Ci sono altri ragazzi che potranno dire la loro in futuro a patto che restino con i piedi per terra. Ne ho visti tanti di giocatori davvero forti che si sono persi perché non hanno avuto la forza di voler imparare, applicarsi e sacrificarsi.

Io sono uno che è emerso dal settore giovanile dopo essersi fatto un anno in prestito in serie C che però è diversa dalla serie C attuale. Sono esperienze che ti servono tanto.

Questo campionato è bello, intenso, nel quale chi si ergerà potrà abbreviare il suo percorso. Firenze non è una piazza facile, che chiede ma che sa anche coccolare i ragazzi giovani della propria Primavera. Serve non abbattersi mai, imparare dai più anziani

Partita all’ora di pranzo con la Roma? Avremmo voluto allenarci alla stessa ora per essere meglio preparati alla partita ma gli impegni scolastici dei ragazzi non ce lo hanno permesso”