Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito si avvale di servizi pubblicitari di terze parti come Google, cliccando sul seguente link è possibile vedere come Google utilizza i dati. 

Modalità di utilizzo dei dati da parte di Google quando si utilizzano siti o app dei nostri partner.

La Roma non supera lo scoglio Atletico Madrid e esce dal 'Tre Fontane' con una sconfitta. Ad assistere alla gara la dirigenza della Roma al completo, incluso Francesco Totti. 

Il match giocato dai ragazzi di Alberto De Rossi non è da buttare, nonostante la sconfitta, ma sicuramente qualcosa è mancato per portare a casa dei punti. Gli spagnoli hanno sicuramente mostrano più cattiveria sotto porta, riuscendo a concretizzare negli ultimi metri. Il primo tempo è terminato con il punteggio di 0-0, ma a rendersi più pericoloso è stato l'Atletico. Al 37' Toni Moya per poco non pesca il jolly dal cilindro e direttamente da calcio d'angolo colpisce il palo con Romagnoli ormai battuto.

Nella ripresa i giallorossi sembrano partire meglio, ma il solo Antonucci può ben poco e allora i colchoneros salgono in cattedra. Al 52' il numero uno giallorosso toglie le castagne dal fuoco con una parata strepitosa sul tiro ravvicinato e a botta sicura di Toni Moya. Il tecnico della Roma, Alberto De Rossi, tenta la svolta cambiando le carte in tavola e butta nella mischia dopo dieci minuti dalla ripresa, Masangu e Besuijen al posto degli impalpabili Meadows e Cappa. Al 58' è proprio il neo entrato Besuijen a sbloccare il match, ma il numero 18 giallorosso viene pescato in posizione di off-side. L'urlo di gioia, rimasto strozzato in gola, si trasforma in amarezza perché al 67' gli spagnoli trovano il varco giusto per far male. Dopo nemmeno un minuto dal suo ingresso in campo Salido, raccoglie palla e dal limite dell'area lascia partire una potente rasoiata che si infila all'angolino sinistro della porta di Romagnoli. Atletico Madrid in vantaggio e Roma nel pallone perché due giri di orologio più tardi e la squadra di Cano Martin raddoppia. Da un'azione confusa Navarro è il più lesto ad avventarsi sul pallone e sulla linea di porta spedisce la sfera in fondo al sacco. Uno-due che scuote la Roma visto che dal 2-0 in poi comincia ad attaccare con maggior insistenza. Al 73' l'Atletico resta in dieci uomini per l'espulsione di Montero e al 77' la Roma ne approfitta per accorciare le distanze. Masangu svetta più in alto di tutti e con una bella incornata mette la palla alle spalle di Dos Santos. Nel finale è proprio il portiere biancorosso a salvare i suoi dal 2-2 visto i miracolosi interventi nel giro di pochi secondi su Besuijen e Marcucci. I quattro minuti di recupero non bastano e la Roma cade in casa per 2-1 contro l'Atletico Madrid.

DANIELE MATERA

AS ROMA – ATLETICO MADRID  1-2

AS ROMA (4-3-3): 1 Romagnoli; 14 Bouah, 5 Ciavattini, 4 Cargnelutti, 17 Semeraro (70′ Riccardi); 6 Marcucci, 7 Meadows (55′ Masangu), 8 Valeau; 10 Antonucci, 9 Celar, 11 Cappa (55′ Besuijen). A disposizione: 23 Pagliarini, 2 Kastrati, 3 Truşescu, 19 Ganea. Allenatore: Alberto De Rossi.

CLUB ATLÉTICO DE MADRID (4-2-3-1): 1 Dos Santos; 2 Isaac, 5 Aliaga, 4 Punal, 3 Montero; 6 Carro, 8 Toni Moya; 7 Agüero (61′ Salido), 10 Clemente, 11 Ferni (58′ Muñoz), Giovanni Navarro (74′ Ferreras Garcia). A disposizione: 13 Sanz Paredes, 12 Viaña Campuzano, 17 Andy,19 Riquelme. Allenatore: Cano Martin

ARBITRO: Rade Obrenovic dalla Slovenia

ASSISTENTI: Grega Kordez e Tomislav Pospeh

MARCATORI: 67′ Salido (ATL), 69′ Navarro (ATL), 77′ Masangu (ASR)

Note: -Espulso per doppia ammonizione Montero (ATL)