Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito si avvale di servizi pubblicitari di terze parti come Google, cliccando sul seguente link è possibile vedere come Google utilizza i dati. 

Modalità di utilizzo dei dati da parte di Google quando si utilizzano siti o app dei nostri partner.

     

Solida e con una qualità offensiva da far invidia. Questa è l'Inter di Stefano Vecchi versione 2017/2018, con un Merola già lanciato e un Rover pronto a dargli il cambio e chiudere la gara. I nerazzurri mettono in mostra anche Odgaard e la stazza più il tiro secco lasciano intravedere buone possibilità, anche in vista della Youth League. I nerazzurri battono una buona Udinese all'esordio, 2-0 con i friulani che hanno fatto comunque la loro gara, con attenzione e con un Djoulou sempre velenoso quando ha potuto.

Prima frazione di gioco che prende il via in sordina, con i nerazzurri che schierano un tridente offensivo fatto di potenza e velocità, Zaniolo - Odgaard - Merola è quanto Stefano Vecchi può permettersi di far scendere in campo e la prima occasione arriva al quarto d'ora, con brividi per Gasparini. E' ancora Merola ad impensierire i friulani, chiamato di testa spedisce alto al 20', mentre è Emmers ad impegnare Gasparini poco più tardi, volo del numero 1 dei bianconeri e corner. Altre due sono le opportunità della prima frazione, ancora con Merola molto attivo ma poco preciso. Udinese che si affida a Djoulou per accorciare la squadra, ma per Pissardo nessun pericolo.

E' ad inizio ripresa che i nerazzurri trovano il vantaggio, palla in verticale per Merola che con un dolce tocco sotto trova l'1-0 e batte Gasparini. Il gol apre la strada ai nerazzurri, che costruiscono anche due giri di lancette più tardi, mentre all'11' traversa di Lombardoni. Ancora Inter al 21' con Emmers pericoloso, ma i friulani restano in partita e Djoulou mette i brividi in diagonale a Pissardo. I nerazzurri trovano allora il raddoppio nel finale, con Rover entrato proprio al posto di Merola per il 2-0 definitivo.

INTER - UDINESE 2-0

INTER: Pissardo; Valietti, Nolan, Lombardoni, Sala; Emmers, Schirò (44'st Bettella), Danso (40'st Brignoli); Zaniolo; Odgaard, Merola (28'st Rover). A disp.: Tintori, Zappa, Corrado, Gavioli, Pompetti, Gnoukouri, Mutton, Belkheir, Adorante. All.: Vecchi

UDINESE: Gasparini, Donadello, Paoluzzi, Brunetti, Filipiak, Vasko, Jaadi (14'st Odasso), Samotti (36'st Bocic), Djoulou, Garmendia, Malle (5'st Kubala). A disp.: Scordino, Caiazza, Gkertsos, De Nuzzo, Kubala, Pecos Melo, Pizzignacco. All.: Giulio Giacomin

MARCATORI: 1'st Merola (In), 39'st Rover (In)

NOTE: Ammoniti: Zaniolo e Danso.