Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito si avvale di servizi pubblicitari di terze parti come Google, cliccando sul seguente link è possibile vedere come Google utilizza i dati. 

Modalità di utilizzo dei dati da parte di Google quando si utilizzano siti o app dei nostri partner.

SATALINO 6: Dopo il gol di Forte che lo vede incolpevole, si occupa principalmente di interventi di ordinaria amministrazione.

DENTI 5,5: Dalla sua parte arrivano i maggiori pericoli rossoneri, dove soffre tremendamente le avanzate di Forte (dal 11’st FERRARESI 6: Con buoni propositi, aiuta a costruire la cinquina rifilata agli avversari).

ROGERIO 6: Attento in fase difensiva, quando si riversa in avanti emergono tutte le sue qualità offensive. Qualche colpa sul primo gol del Milan.

GHION 6,5: Tanta geometria per il numero quattro emiliano, il tutto condito da uno splendido gol sotto l’incrocio dei pali.

PILATI 6,5: Sempre attento in fase difensiva, gli viene facilitato il compito dalla sostituzione di Larsen, che ha ridisegnato il Milan senza una prima punta.

FERRINI 6: Primo tempo con poche sbavature per lui, costretto ad uscire all’intervallo per infortunio (dal 1’st PIACENTINI 6: Assolve senza esitazioni i compiti a lui assegnati).

PIERINI 7,5: Incontenibile. Palla al piede mette sempre in apprensione la difesa, i due gol sono il giusto premio per una prestazione maiuscola.

AHMETAJ 6: Emerge più per il sacrificio nelle due fasi che nella qualità delle giocate.

SCAMACCA 7: Una partita generosa per l’attaccante ex PSV. Chiuso dai due centrali difensivi rossoneri, indietreggia spesso per ricevere palla e servire in verticale gli esterni con lanci millimetrici.

VIERO 6,5: Dà manforte alla manovra offensiva mettendo in mostra le sue qualità di palleggiatore

KOLAJ 7: Spina nel fianco degli avversari con l’abitudine di partire defilato per poi accentrarsi e tentare la conclusione. (dal 37’st AURELIO S.V).