Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito si avvale di servizi pubblicitari di terze parti come Google, cliccando sul seguente link è possibile vedere come Google utilizza i dati. 

Modalità di utilizzo dei dati da parte di Google quando si utilizzano siti o app dei nostri partner.

Si è svolta oggi a Milano una riunione dei Responsabili dei settori giovanili dei club della Lega Serie A, incentrata sul format del Campionato Primavera TIM - Trofeo "G. Facchetti" 2017-2018.

La nuova stagione, come deciso la scorsa estate, terrà a battesimo la divisione della categoria in due livelli, Primavera 1 a girone unico con 16 squadre e Primavera 2 in due gironi, ciascuno con 13 formazioni. Il torneo Primavera 1 prenderà il via sabato 26 agosto 2017 e terminerà il 12 maggio 2018 (fine del girone di andata sabato 23 dicembre, prima di ritorno il 13 gennaio).

Al termine della regular season le prime due classificate attenderanno altre due formazioni, provenienti dagli spareggi tra 3ª-6ª e 4ª-5ª, per dar vita alle semifinali con gare di andata e ritorno. La 3ª e la 4ª della classifica accederanno direttamente alla semifinali contro le prime 2 qualora la 5ª classificata accumulasse un distacco superiore ai 9 punti dal quarto posto. Le vincenti delle semifinali si affronteranno in campo neutro nella finalissima che assegnerà il titolo di Campione d'Italia per la categoria Primavera 1.

Deciso anche un innalzamento dei requisiti strutturali e della qualità dei terreni da gioco, che dovrà andare a completo regime con la stagione 2018-2019, con l'obiettivo di avvicinare l'ambiente di disputa degli incontri agli standard già previsti per la UEFA Youth League.